MAGIS
rete delle missioni sostenute dalla Compagnia di Gesù
facebookTwitterGoogle+
ragazze afghane

La scuola rinasce, anche grazie a Jrs e Magis

Afghanistan

29 Set 2017

In Afghanistan, il sistema educativo sta, pur tra mille difficoltà, rinascendo. Il Governo di Kabul ha investito molto per ricostruire le istituzioni scolastiche distrutte da tre decenni di guerra. Uno sforzo possibile anche grazie alla collaborazione della comunità internazionale. Molte organizzazioni, tra le quali il Magis e il Jesuit Refugee Service (Jrs), hanno offerto il loro contributo.

E i risultati sono evidenti. Nel 2002, frequentavano la scuola 900mila ragazzi, mentre le donne e le ragazze erano quasi completamente escluse dalle opportunità educative. Da allora, il governo afghano ha lanciato l’emergenza educativa e ha messo in atto alcuni piani per per ricostruire il settore. Il ministero dell’Istruzione ha costruito più di 16mila scuole, ha reclutato e addestrato 154mila insegnanti e l’aumento dei tassi d’iscrizione netti per i bambini scolastici è prossimo al 60%. Oggi, secondo il ministero, più di 9 milioni di studenti sono iscritti nelle scuole, di cui il 40 per cento sono ragazze. Dal 2008 il tasso di alfabetizzazione è aumentato del 5%; dal 2005 il tasso di alfabetizzazione giovanile è aumentato di oltre il 16%.

Il Jrs, che opera in questo contesto dal 2005, concentrando gli sforzi su progetti che promuovono l’educazione secondaria (a Herat e Shadat), la formazione degli insegnanti, i corsi di inglese (Kabul, Herat, Bamiyan e nelle Province di Daikundi). A partire dal 2013, il Jrs ha poi avviato a Herat e Bamiyan programmi di formazione a distanza attraverso Internet in collaborazione con le università dei gesuiti negli Stati Uniti. Sempre per offrire una formazione di qualità ai giovani afghani, il Jrs ha stretto accordi con alcuni istituti superiori dell’India. In base a queste intese, gruppi di studenti afghani potranno seguire corsi intensivi o frequentare i corsi regolari degli istituti.

A quest’ultimo progetto, prende parte anche il Magis. La nostra fondazione si sta facendo carico di fornire il sostegno finanziario affinché cinque ragazzi afghani possano frequentare un anno di corsi al Christian Brothers’ College in India.

«Un sistema di istruzione forte che include insegnanti professionali, materiali e metodi di apprendimento di alta qualità – spiegano i responsabili del governo di Kabul – è essenziale perché l’Afghanistan ha una delle più giovani popolazioni del mondo, attraverso la formazione si lavora alla crescita economica afgana, allo sviluppo democratico e alla stabilità».

Chiudi notifica

Gesuitinetwork - Normativa Cookies

I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies del nostro sito. Qui trovi maggiori informazioni