MAGIS
rete delle missioni sostenute dalla Compagnia di Gesù
facebookTwitterGoogle+
siccità in kenya

La siccità morde ancora. Il Magis è in campo

Kenya

15 Set 2017

In Kenya, la siccità non è terminata. L’emergenza continua, soprattutto nelle contee settentrionali. Secondo un rapporto stilato del Dipartimenti della Sanità, Save Children, Unicef e altre otto organizzazioni umanitarie, 73mila bambini sono gravemente malnutriti a causa della siccità e della conseguente mancanza di cibo e rischiano di morire se non riceveranno urgentemente gli aiuti necessari.

Nella sola contea di Turkana i tassi di malnutrizione acuta, la più pericolosa forma di malnutrizione, sono quasi quadruplicati in un solo anno, passando dal 2,3% nel 2016 all’8,3% nell’anno in corso. Nel Sud Turkana, il 12% dei bambini sotto i cinque anni soffre di malnutrizione acuta, un dato senza precedenti. Livelli di malnutrizione acuta molto elevati si registrano anche a East Pokot (5,8%), Mandera (5,2%), Sambura (3,8%) e West Pokot (3,2%), contee nelle quali si assiste a un gravissimo deterioramento della nutrizione e della sicurezza alimentare. Lo studio evidenzia inoltre che circa 40.000 donne in gravidanza o in fase di allattamento sono malnutrite.

La mancanza di precipitazioni ha colpito duramente l’agricoltura, riducendo o bruciando i raccolti, e la pastorizia che si trova a fare i conti con una sempre minore disponibilità di pascoli. Le fonti idriche si sono prosciugate e le persone sono costrette a fare lunghi tragitti per raggiungere i pochi pozzi ancora attivi. «Nelle zone più colpite dalla siccità – spiega il rapporto -, le comunità hanno perso il bestiame, da cui dipendono per il loro sostentamento, per il cibo, per il latte. Molte di loro riescono a sopravvivere con fatica, con appena un pasto al giorno quando riescono a reperirlo».

In questo contesto, il Jesuit Hakimani Center di Nairobi, opera sociale dei gesuiti in Kenya assiste le popolazioni attraverso la distribuzione di aiuti alimentari nelle contee più colpite portando cereali, riso, fagioli, olio, sale, zucchero, verdure, scatolette di carne, latte, acqua potabile, ma anche medicine di base e vestiti. Il Magis ha lanciato la campagna raccolta fondi «Emergenza Kenya» per sostenere questo impegno. Finora abbiamo raccolto 42mila euro. Insieme possiamo fare ancora molto. Anche tu puoi aiutarci. Dona ora! Clicca qui

 

 

 

 

 

Chiudi notifica

Gesuitinetwork - Normativa Cookies

I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies del nostro sito. Qui trovi maggiori informazioni