MAGIS
rete delle missioni sostenute dalla Compagnia di Gesù
facebookTwitterGoogle+
Nepal

Nepal. In soccorso delle popolazioni terremotate

Il 25 aprile e il 12 maggio 2015 due forti terremoti (di magnitudo 7,4 e 7,8) hanno colpito duramente il Nepal. Le scosse hanno distrutto abitazioni, officine, monumenti e hanno causato più di ottomila vittime, oltre a migliaia di senzatetto.

Fin dai primi giorni dopo il terremoto, i gesuiti sono scesi in campo per aiutare le popolazioni, soprattutto quelle delle aree più distanti dai centri e isolate. Gli aiuti provenienti dalle Ong e dalla Province gesuitiche di tutto il mondo sono stati convogliati sul Njsi (Nepal Jesuit Social Institute), opera sociale dei gesuiti locali, che ha sede a Khatmandu. Nella capitale poi è stato creato un team centrale che ha coordinato oltre 20 persone sul campo (giovani laici e gesuiti).

Dopo la fase iniziale nella quale è stato distribuito materiale di soccorso (teloni, coperte, stuoie, riso, cereali, olio, zucchero, sale, ecc), Njsi ha concentrato i suoi sforzi sulle scuole, fornendo materiali didattici, mobili, articoli di cancelleria, ecc.
È stato compiuto un grande sforzo che ha coinvolto i religiosi, ma anche molti giovani laici. La spinta alla collaborazione ha portato i volontari a superare anche le distinzioni di casta molto presenti nel Nepal hinduista e hanno dimostrato una grande solidarietà nei confronti di chiunque avesse bisogno.

Il bilancio degli interventi è positivo. I gesuiti e i loro collaboratori hanno lavorato in undici distretti tra quelli più colpiti. Complessivamente hanno aiutato più di 13mila studenti ricostruendo 15 scuole e fornendo sedie, arredi per le classi, lavagne, libri di testo, kit per la scuola e per la ricreazione, uniformi scolastiche. Hanno inoltre sostenuto 1.090 famiglie, portando loro vestiti caldi per l’inverno e ristrutturando le loro abitazioni. Sono anche stati costruite sei aree di sicurezza nelle quali donne e bambini possono trovare immediato rifugio in caso di nuove calamità.

L’impegno del Njsi non si concluderà con la fase dell’emergenza. I gesuiti hanno deciso di trasformare questa organizzazione in una struttura permanente, che lavori per ridurre la vulnerabilità della popolazione. L’obiettivo è migliorare la qualità della vita delle persone che vivono ai margini della società (in particolar modo gli indigeni che rappresentano il 30% della popolazione, ma non sono rappresentati politicamente). Secondo i gesuiti, solo attraverso un’azione capillare che scommetta su condizioni di vita più decorose può ridurre al massimo i rischi che questi eventi così distruttivi (e che purtroppo si ripetono, come testimonia il sisma avvenuto ieri nel vicino Tibet) comportano.

Il Magis sostiene questo sforzo dei gesuiti nepalesi. Vuoi contribuire anche tu? Vieni a scoprire come è possibile, clicca qui.

Informazioni

Come contribuire

Donazione online

Tramite Paypal, con tre click:

1 – clicca sul pulsante “Donazione”
2 – scegli l’importo
3 – specifica il progetto/causale che vuoi sostenere

Conto corrente bancario

Banca Prossima per le Imprese Sociale e Comunità Piazza della Libertà, 13 – 00192 Roma / Iban: IT25 D033 5901 6001 0000 0130 785

Banca Prossima Piazza della Libertà 13, 00192 Roma/ Iban: IT25 D033 5901 6001 0000 0130 785

Banca Popolare di Bergamo Via Manzoni 12, 21013 Gallarate (Va)/ Iban: IT23 W054 2850 2400 0000 0027 366

intestati a Magis-Movimento e Azione Gesuiti Italiani per lo Sviluppo Via degli Astalli 16, 00186 Roma

Conto corrente postale 909010

intestato a MAGIS
Movimento e Azione Gesuiti Italiani per lo Sviluppo
Via degli Astalli, 16 – 00186 Roma

Chiudi notifica

Gesuitinetwork - Normativa Cookies

I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies del nostro sito. Qui trovi maggiori informazioni